Maio l'isola dei Pirati,CAPITAN KIDD il Tesoro nascosto

Maio l’isola dei Pirati….CAPITAN KIDD :il Tesoro nascosto!

La mappa di Skeleton Island redatta nel 1669 da Capi-tan Kidd è naturalmente criptica e di difficile comprensione: si tenga conto che è stata disegnata a mano libera, più di trecento anni fa e che alcuni particolari potrebbero essere stati volutamente esagerati o distorti. Nonostante queste premesse, non si possono ignorare alcune inquietanti analogie tra quella mappa e l’isola di Maio. Ruotando la mappa di 90° e rovesciandola specularmente, risulta evidente la somiglianza tra le due isole: 1) Entrambe hanno una serie di montagne con direzione nord -sud. 2) Sul lato nord ovest è disegnata una grande laguna, che corrisponde perfettamente alla salina che attualmente si estende da Calheta a Porto Cais. 3) Sul lato nord la mappa riporta due insenature che corrispondono, sulla cartina di Maio, a Praia Real e Baia do Galeao (baia del galeone!) 4) L’ultima nave comandata da Capitan Kidd, nel 1698, si chiamava Saint Antonio; il villaggio più a nord dell’isola di Maio, vicino alla Baia do Galeao, si chiama Sant’Antonio ed è situato alla estremità opposta del paese principale, che ancor oggi si chiama Porto Ingles a ricordo del porto fortificato, fatto costruire dal corsaro Francis Drake, che era la base inglese sull’isola.
(E’ logico supporre che i pirati desiderassero stare più lontano possibile dagli inglesi che davano loro la caccia!)
Tutto ciò è solo una coincidenza?

Pirati, corsari, bucanieri sono di solito considerati personaggi leggendari nati dalla fantasia degli scrittori di libri per ragazzi, ma i nomi di Francis Drake, Hanry Morgan, Barbanera, Dampier e…. Capitan Kidd (solo per citare i più famosi) fanno parte della storia non meno di Giulio Cesare, Napoleone o Hitler.
William Kidd nasce intorno al 1645 a Greenock, porto scozzese sul fiordo di Clyde. Si imbarca giovanissimo e nel 1689 diventa capitano di una nave corsara che traffica nei Caraibi. Al comando della nave Blissed William partecipa al saccheggio dell’isola francese di Marie Galante.
Inizia così la sua carriera di pirata compiendo centinaia di scorrerie, di azioni audaci, eroiche, o crudeli, “vittima” lui stesso delle circostanze, della sfortuna, delle alleanze sbagliate e del suo pessimo carattere. L’8 maggio del 1701 viene impiccato sul molo di Londra davanti a migliaia di persone. Dopo la sua morte comincia la ricerca del suo favoloso tesoro (si parla di 400.000 sterline) che si dice lui abbia nascosto sulla mitica Skeleton Island. Il problema è identificare questo luogo tra le decine di isole in cui le sue navi fecero scalo: Antigua, St.Martin e Guadaloupe (Caraibi), Gar-den Island e Long Island (coste newyorkesi), St.Kitt and Nevis, le Bahamas, Santa Maria (Madagascar), le Laccadive e….le isole di Capo Verde.

Sulla strada tra Alcatraz e Sant’Antonio, non lontano dalla località Chao de Campo (Base del campo) si trova una chiesetta del 1700 dedicata a “Nostra Signora del Rosario.”
La tradizione popolare la indica coma “la chiesa dei pirati”! Su alcune pietre del muro che la recinge si trovano incise strane lettere e/o simboli non ancora decifrati. All’esterno, sul retro, dove presumibilmente si trovava il cimitero (come si usava anche in Europa fino alla fine del ‘700) sono stati ritrovati alcuni reperti interessanti: alcune ossa che non paiono di animali, una fibbia in argento come quelle applicate sugli stivaloni, frammenti di ceramiche, alcuni pezzi di bicchierini di vetro, provenienti da differenti paesi.

Nel già citato villaggio di Sant’Antonio, all’ interno di una costruzione, è immurata un’antica pietra scolpita, probabilmente appartenuta ad una chiesa (forse la stessa di Baia de Santana??) Oltre alla croce si distingue chiaramente una faccia, o forse meglio un teschio (skeleton!) e la scritta:
“lovado seja o ss. Sacramento”
(lodato sia il santissimo sacramento,)

Sulla piazza di Morrinho, un paesino a nord ovest dell’isola, si trova una grande pietra che reca incisa la scritta “1612 SAM SKELTON”. I vecchi del paese dicono di ricordare che la pietra facesse parte di una antica chiesetta (di cui si è persa ogni traccia) situata su Baia de Santana, una spiaggia non lontana dal villaggio. Il fatto che il nome Skelton compaia sull’isola di Maio già nel 1612, più di 30 anni prima della nascita di Capitan Kidd, costituisce un altro importante indizio da valutare.

Nel paese principale, Porto Ingles ora normalmente chiamato Vila do Maio, sul retro dell’originale antico forte che dominava il vecchio porto e che è stato distrutto solo qualche anno fa da una violenta mareggiata, è stato ricostruito un fortino sui cui spalti hanno trovato collocazione quattro cannoni originali del 1600/1700. Altri cannoni sono sparsi in diverse località della costa e sui fondali dell’isola. Un’altra testimonianza che le battaglie ed i cannoneggiamenti si svolgevano anche e soprattutto sulle coste lontane dal presidio militare……

 

 

 

 

logo Big Game Maio

©2020 Hotel e Ristorante Big Game Maio 

Trattamento dei dati Personali

Log in with your credentials

Forgot your details?